La tossicità del fluorite

Molto controverso: quali sono gli effetti delle tossine nel corpo umano?

Il fluoro di per sè viene ottenuto dai feldspati e il fluorite per molto tempo è stato utilizzato  per la sua estrema reattività al fine di  ridurre il punto di fusione di minerali. Quando la quantità  di questa sostanza altamente tossica negli Stati Uniti divenne troppo grande per lo smaltimento, l’allora ministro delle finanze, Andrew W. Mellon, negli anni ’30 commissionò uno studio.

Questo Andrew W. Mellow allo stesso tempo è stato anche direttore generale della società di lavorazione dell’alluminio ALCOA e in quel momento da ministro delle finanze gli sottostò anche il dipartimento di salute dello stato. Nel suddetto studio è stato sostenuto che le persone che vivono in luoghi con alti livelli di fluorite (un tipo di sale di acido fluoridrico tossico) nell’acqua di rubinetto soffrirebbero meno di carie dentaria che da qualsiasi altra parte.Sulla base di questa ipotesi (una convalida scientifica non c’è mai stato) ha lasciato mescolare l’acqua del rubinetto in molte zone con fluorite e aveva così in poco tempo risolto il problema dello smaltimento di questa sostanza tossica della sua azienda.

Prima ancora il fluorite nelle prime applicazioni è stato usato come conservante del legno nonché come veleno contro topi, ratti e insetti.

Oggi la maggior parte dei dentifrici contengono fluorite, anche se, secondo un rapporto dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA) pubblicato nel 2013, questa sostanza non viene considerata un nutriente essenziale per il corpo umano. Non serve né ai processi di crescita né allo sviluppo dei denti e non è mai stato possibile identificare segni concreti di una carenza di fluorite.

La pericolosità si evince nell’obbligo di segnalare sui dentifrici la quantità di fluorite nel dentifricio: Il livello massimo consentito viaggia attorno ai 1.500 ppm (parts per million).  Anche per questo è consigliato vivamente di non inghiottire il dentifricio e di sputarlo dopo aver lavato i denti.   Nel frattempo l’efficacia del fluorite in termini di protezione della carie viene discussa molto controversamente. Ma esiste un rimedio:  La ditta high-tech austriaca Ringana da 22 anni propone un olio per la polizia dei denti senza alcun inaridente nocivo per il corpo umano.!